27 Febbraio 2017

Calcio: squadra immigrati Napoli promossa in prima categoria

A due giornate dalla fine del campionato di Seconda Categoria, l'Afro­Napoli United ha già vinto il campionato e ottenuto la promozione al campionato di Prima categoria. La squadra composta da ragazzi provenienti da Senegal, Costa d'Avorio, Capo Verde, Perù, Paraguay, insieme con i compagni di squadra napoletani, ha dominato il girone B del campionato dilettantistico campano con 18 vittorie, 4 pareggi e solo 2 sconfitte, con uno score di 77 reti realizzate e 17 subite. Per la squadra multietnica è la seconda promozione di seguito visto che lo scorso anno era partita dalla terza categoria. Il successo è stato celebrato dalla società partenopea non solo dal punto di vista sportivo ma anche sociale, visto che AfroNapoli United si fa portatrice di valori antirazzisti e pratica lo sport come strumento per favorire l'integrazione e la socializzazione dei migranti. "Sono orgoglioso di rappresentare questi ragazzi e questo progetto ­ spiega in una nota Antonio Gargiulo, fondatore e presidente di AfroNapoli ­. Questa promozione e i tanti successi sono stati ottenuti con sudore e impegno da parte di tutti i calciatori che, oltre alla passione, hanno una marcia in più, e grazie anche ai tanti dirigenti della squadra e ai collaboratori che, a titolo volontario, danno il loro contributo. Ricordo la corsa a ostacoli fatta per riuscire a iscrivere tanti ragazzi migranti nella nostra squadra e dare inizio a questa avventura in Figc. Siamo la dimostrazione che i migranti non sono un peso per la nostra società ma, anzi, possono essere una risorsa anche nello sport. Festeggeremo questa promozione sul nostro campo, lo stadio Vallefuoco di Mugnano, il prossimo 16 maggio in occasione dell'ultima giornata di campionato".

Editoriali

Povera Italia Povera Italia La crisi italiana rischia di diventare perenne. Può accadere quando più che dalla voglia di riscatto, ci si ritrova preda di due cattivissimi maestri: la demagogia e la furbizia. E al grido di 'dagli...

Commenti

Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Sono stati 145 i voti di sfiducia nei confronti del segretario provinciale del Pd Raffaele Vitale, ma non sono bastati a sfiduciarlo. Ne sarebbero bastati altri quattro o cinque  in pratica, che però...