25 Marzo 2017

Calcio: la Lazio eliminata dalla Champions, battuta per 3-0 dal Bayern Leverskusen

Il Bayer Leverskusen s'impone 3-0 nel ritorno dei playoff ed esclude la Lazio (inutile il successo 1-0 dell'andata) dalla fase a gironi della Champions. La Germania avrà così quattro rappresentanti nell'urna di Nyon, l'Italia solo due. Alla BayArena, Pioli si affida al 3-4-3 con Basta e Lulic sulle fasce e tridente formato da Felipe Anderson, Keita e Candreva. Il Bayer inizialmente subisce l'agonismo dei biancocelesti, ma ci mette poco a imporre il proprio gioco. Al 25' la girata di testa di Kiessling si stampa sull'incrocio. Al 40' De Vrij non segue il taglio di Kiessling che può mettere al centro, rimpallo Onazi-Mauricio e Calhanoglu ringrazia e cancella il vantaggio biancoceleste dell'andata. Inizio ripresa da incubuo per gli uomini di Pioli. Al 48' incertezza di Mauricio che manca l'anticipo su Mehmeti, il centrocampista del Bayer entra in area e batte Berisha. L'espulsione di Mauricio al 68' (il difensore prende due gialli in 8') spegne le speranze della Lazio. Il terzo gol arriva ai titoli di coda (88') con Bellarabi che finalizza il contropiede di Brandt. Alla fase a gironi accedono anche Manchester United (4-0 in casa del Bruges con tripletta di Rooney), Cska Mosca (ribaltato il 2-1 contro lo Sporting grazie al 3-1 in Russia) e il Bate Borisov (la sconfitta 2-1 in casa del Partizan Belgrado non rovina la festa grazie all'1-0 dell'andata). Prima assoluta per una squadra kazaka: l'Astana pareggia in casa dell'apoel Nicosia 1-1 e si qualifica grazie all'1-0 dell'andata.

Editoriali

Povera Italia Povera Italia La crisi italiana rischia di diventare perenne. Può accadere quando più che dalla voglia di riscatto, ci si ritrova preda di due cattivissimi maestri: la demagogia e la furbizia. E al grido di 'dagli...

Commenti

Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Sono stati 145 i voti di sfiducia nei confronti del segretario provinciale del Pd Raffaele Vitale, ma non sono bastati a sfiduciarlo. Ne sarebbero bastati altri quattro o cinque  in pratica, che però...