27 Febbraio 2017

Povera Italia

La crisi italiana rischia di diventare perenne. Può accadere quando più che dalla voglia di riscatto, ci si ritrova preda di due cattivissimi maestri: la demagogia e la furbizia. E al grido di 'dagli all'untore' siamo ormai giunti sull'orlo del baratro. Al di là dell'orlo il vuoto: morale, di idee, culturale. Nella convinzione che è sempre possibile venirne fuori, magari seguendo la via d'uscita abituale: quella di schierarsi dalla parte dei più forti.

E così la gente è convinta che tutta la disonestà alberghi nei politici, dimenticando che abbiamo migliaia di falsi invalidi, migliaia e migliaia di evasori fiscali, migliaia e migliaia di imbroglioni pronti a tutto per i propri scopi. E dimenticando. soprattutto, che li votiamo determinandone, dunque, immagine e somiglianza. Così come l'immoralità, dimenticando che migliaia di italiani sono andati in pensione mentre ancora indossavano i pantaloncini corti ed altre migliaia usufruiscono, dalla Rai alla Regione Sicilia tanto per citare due dei tanti esempi concreti, di stipendi da milioni di euro all'anno e pensioni da oltre 42mila euro al mese. E tutto con soldi pubblici. Ma quantunque si trattasse di soldi privati, poca sarebbe la differenza, poiché nemmeno nel privato i soldi piovono dal cielo ma dalle tasche dei cittadini esattamente come nel pubblico. E a proposito di politica. Mentre nel Pdl si continua a danzare intorno a Berlusconi e alle sue vicissitudini giudiziarie, il Partito Democratico è alle prese con l'elezione dei segretari provinciali del Partito Democratico. In provincia di Caserta si voterà tra una settimana e presto spiegheremo, nei dettagli, perché. In ogni caso la sensazione che si ha è che una serie di personaggi, in spregio al pericolo, avverta una gran voglia di misurarsi. E quale scelta migliore che schierarsi con il più forte, per sopravvivere di luce riflessa. Che, ovviamente, verrà poi contrabbandata per luce proprio sia pur brancolando nel buio totale. Ed allora povera Italia. Che è anche il titolo di una rubrica settimanale che ogni lunedì troverete sul nostro giornale on line.

iul

 

Editoriali

Povera Italia Povera Italia La crisi italiana rischia di diventare perenne. Può accadere quando più che dalla voglia di riscatto, ci si ritrova preda di due cattivissimi maestri: la demagogia e la furbizia. E al grido di 'dagli...

Commenti

Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Sono stati 145 i voti di sfiducia nei confronti del segretario provinciale del Pd Raffaele Vitale, ma non sono bastati a sfiduciarlo. Ne sarebbero bastati altri quattro o cinque  in pratica, che però...