25 Marzo 2017

Pino Daniele: Jovanotti lo ricorda con video concerto Napoli

Jovanotti ricorda Pino Daniele, a un anno dalla scomparsa, con un lungo post e la pubblicazione su Jova.tv per pochi giorni del concerto di Napoli del luglio 2015 fatto da Lorenzo con Eros Ramazzotti e James Senese. "E' passato un anno dalla scomparsa del grande Pino Daniele. Per ricordarlo ­ scrive Jovanotti ­ in queste giornate ecco il video di quello che è successo a Napoli l'estate scorsa, il 26 luglio, nello stadio San Paolo. Quella sera il grande artista e grande amico di Pino e mio, Eros "Ramazza" Ramazzotti, insieme al fantastico James Senese, il sax di Napoli Centrale e dei dischi storici di Pino, si sono uniti alla mia band per ricordarlo attraverso il dono gigantesco che ci ha fatto quel "pazz' e' Pino" oltre al suo affetto personale: la sua MUSICA". "In quello stesso stadio Pino Daniele nel 1994 ­ ricorda ancora Jovanotti ­ mostrò a me e a Eros che eravamo sul palco con lui cos'è la musica quando diventa la voce di un popolo intero, senza stereotipi, tra radici e innovazione, tra rabbia e speranza, ricerca e passione, verità e bellezza, rigore e allegria. Erano altri tempi, non c'è un video ufficiale di quel concerto e neanche una registrazione, e forse è meglio così, in modo che la memoria in noi che c'eravamo, sul palco e nello stadio, faccia i suoi ricami. Quel concerto del 1994 fu una botta pazzesca dalla quale poi non mi sono più ripreso, e sarò sempre grato a Pino per avermela fatta vivere, è stato uno dei regali più belli mai ricevuti nella mia vita di artista". "21 anni dopo, il 26 luglio 2015 ­ conclude ­ Pino non c'era più in carne ed ossa ma al San Paolo c'era la sua anima, in ognuno di quelli che cantavano i suoi pezzi insieme a noi c'era lui. Era lì con noi. E' stata un'emozione infinita".

Editoriali

Povera Italia Povera Italia La crisi italiana rischia di diventare perenne. Può accadere quando più che dalla voglia di riscatto, ci si ritrova preda di due cattivissimi maestri: la demagogia e la furbizia. E al grido di 'dagli...

Commenti

Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Sono stati 145 i voti di sfiducia nei confronti del segretario provinciale del Pd Raffaele Vitale, ma non sono bastati a sfiduciarlo. Ne sarebbero bastati altri quattro o cinque  in pratica, che però...