20 Gennaio 2017

Addio a Giacomo Furia, indimenticabile Cardone de 'La banda degli onesti' con Totò e Peppino

C’è un terzetto di straordinaria umanità che oggi si è ricomposto in Paradiso: Totò, Peppino De Filippo e Giacomo Furia, l’indimenticabile Cardone de «La banda degli onesti» che è deceduto intorno a mezzogiorno presso la clinica Villaverde di Roma all’età di 90 anni.

Era l’ultimo grande caratterista del cinema italiano e anche uno degli ultimi attori viventi che poteva raccontare il grande Totò, avendo girato con lui ben 17 film. Per il grande pubblico resta indimenticabile, oltre che nell’interpretazione del falsario pasticcione al fianco di due mostri sacri come Totò e Peppino De Filippo, per il ruolo di Rosario, ingenuo marito della bella pizzaiola Sofia Loren ne «L’oro di Napoli». Altre interpretazioni significative ne «Il medico dei pazzi» e «Totò, Eva e il pennello proibito». Negli ultimi anni, venendo sempre di più meno i ruoli per un attore della sua età, cosa che lo rattristava molto, si era dedicato al doppiaggio e alla pubblicità. Era lui il nonno di uno spot di una nota marca di merendine per ragazzi. Nel 2007 aveva ricevuto dall’allora sindaco di San Cipriano Picentino, Attilio Naddeo, la cittadinanza onoraria. Nella località del Salernitano, durante la seconda guerra mondiale, il giovane Furia aveva vissuto e lavorato mettendo i timbri sulle tessere del pane. I funerali si terranno lunedì 8 presso la chiesa di San Saturnino a Roma in orario da stabilire.

Editoriali

Povera Italia Povera Italia La crisi italiana rischia di diventare perenne. Può accadere quando più che dalla voglia di riscatto, ci si ritrova preda di due cattivissimi maestri: la demagogia e la furbizia. E al grido di 'dagli...

Commenti

Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Sono stati 145 i voti di sfiducia nei confronti del segretario provinciale del Pd Raffaele Vitale, ma non sono bastati a sfiduciarlo. Ne sarebbero bastati altri quattro o cinque  in pratica, che però...