25 Marzo 2017

Cento cantine e 500 etichette ad anteprima "Vitignoitalia"

Cento cantine e 500 etichette in degustazione per raccontare l'Italia del vino di qualità e consentire ai winelovers un viaggio tra i profumi e i sapori di una selezione del meglio che la produzione enoica italiana possa offrire: l'appuntamento è per lunedì, a Napoli, all'anteprima della XII edizione di "Vitignoitalia", il Salone dei Vini e dei Territori Vitivinicoli Italiani in programma dal 22 al 24 maggio, nel trecentesco Castel dell'Ovo del capoluogo campano. Dal Trentino Alto Adige alla Sardegna, passando per Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, proseguendo attraverso le espressioni vitivinicole di Toscana, Abruzzo, Marche, fino ad arrivare in un Sud sempre più interessante rappresentato da Campania e Puglia. "Un vero e proprio excursus attraverso i terroir più vocati del nostro Paese ­ commenta Maurizio Teti, direttore di Vitignoitalia ­ a conferma di come la nostra iniziativa, già a partire dalla sua ormai tradizionale Anteprima, sia un appuntamento ormai imperdibile tanto per il pubblico quanto per i produttori. Un format vincente che unisce il piacere di degustare i grandi vitigni italiani alla possibilità di avviare e consolidare rapporti commerciali". Vitignoitalia conferma anche la sua attenzione all'aspetto culturale e storico del Pianeta Vino nazionale, evidenziato dal patrocinio del MIPAAF, della Regione Campania, del Comune di Napoli e di Unioncamere Campania, senza dimenticare la parte business, grazie anche alla collaborazione con l'ICE (Istituto per il Commercio Estero) e l'ITA (Italian Trade Agency). "Di anno in anno ­ sottolinea ancora Teti ­ aumentano i nostri sforzi per garantire la presenza di buyer italiani e internazionali nell'ambito della nostra manifestazione. In particolare, per l'edizione 2016, abbiamo avviato dei contatti mirati con il mercato statunitense, in special modo con un'area in costante crescita come quella di Chicago".

Editoriali

Povera Italia Povera Italia La crisi italiana rischia di diventare perenne. Può accadere quando più che dalla voglia di riscatto, ci si ritrova preda di due cattivissimi maestri: la demagogia e la furbizia. E al grido di 'dagli...

Commenti

Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Sono stati 145 i voti di sfiducia nei confronti del segretario provinciale del Pd Raffaele Vitale, ma non sono bastati a sfiduciarlo. Ne sarebbero bastati altri quattro o cinque  in pratica, che però...