20 Gennaio 2017

"Radici del Sud" mette in luce vini autoctoni del Mezzogiorno

La Puglia sembra dominare nei giudizi della giuria nazionale e internazionale di "Radici del Sud", decima edizione della kermesse che celebra e premia le migliori eccellenze vitivinicole del meridione. Al concorso, conclusosi ieri a Bari, 181 le aziende vitivinicole in gara; un record assoluto dell'edizione 2015, rappresentata dai 20 produttori dalla Sicilia, 18 dalla Calabria, 10 dalla Basilicata, 36 della Campania e 97 dalla Puglia, regione che ha trainato l'alta partecipazione del settore. I vini in concorso sono stati complessivamente 380 suddivisi in 21 categorie. Due le giurie impegnate, quella internazionale e nazionale, che hanno definito i migliori calici a base di uve Bombino; Falanghina; Malvasia; Catarratto; Greco; Fiano; Minutolo; Grillo; Negroamaro; Gaglioppo; Magliocco; Aglianico del Vulture; Aglianico Campania; Nero di Troia; Nerello; Primitivo; Nero d'Avola; Taurasi, vini da uve biologiche, vini da blend.

Editoriali

Povera Italia Povera Italia La crisi italiana rischia di diventare perenne. Può accadere quando più che dalla voglia di riscatto, ci si ritrova preda di due cattivissimi maestri: la demagogia e la furbizia. E al grido di 'dagli...

Commenti

Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Sono stati 145 i voti di sfiducia nei confronti del segretario provinciale del Pd Raffaele Vitale, ma non sono bastati a sfiduciarlo. Ne sarebbero bastati altri quattro o cinque  in pratica, che però...