23 Gennaio 2017

Tv: dopo i matrimoni arriva la docufiction sui 'funeral planner' napoletani

Il mondo della docufiction italiana prova a esorcizzare il tabù della morte. Dopo anni di wedding planner, in tv arrivano i 'funeral planner': dal 12 giugno sul canale Explora (sulla piattaforma Sky) andrà in onda la serie 'Morti e stramuorti', che racconta con ironia il mestiere del necroforo. Anzi, dello 'schiattamuorto', visto che é ambientata a Napoli. La famiglia Dell'Anno, titolare da 5 generazioni di un'agenzia di pompe funebri, e i loro collaboratori, sono i protagonisti di otto puntate in cui mostrano il proprio lavoro e l'approccio napoletano all'ultimo viaggio. Il programma, prodotto da Kimera per il canale della De Agostini Editore dedicato ai lavori estremi, porta lo spettatore tra funerali nei quartieri storici della città o in trasferta a Venezia, ricette di piatti tipici come il casatiello, cantanti neomelodici e urne cinerarie con i colori della squadra del Napoli. "L'ironia fa parte del nostro carattere, già siamo fatti così e anche il lavoro quando possiamo lo prendiamo in questo modo", ha spiegato Massimo Dell'Anno, alla conferenza stampa di presentazione della serie a Milano. "Non volevamo farci bloccare da un tabù", ha detto Massimo Bruno, direttore canali tv De Agostini. "L'approccio di questo programma ­ ha aggiunto ­ che fa la differenza è il modo di raccontare un mondo che comunque interessa tutti, con una chiave che ti fa pensare e apprezzare delle cose della vita".

Editoriali

Povera Italia Povera Italia La crisi italiana rischia di diventare perenne. Può accadere quando più che dalla voglia di riscatto, ci si ritrova preda di due cattivissimi maestri: la demagogia e la furbizia. E al grido di 'dagli...

Commenti

Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Per pochi voti non passa la sfiducia ma adesso Vitale dovrà scegliere Sono stati 145 i voti di sfiducia nei confronti del segretario provinciale del Pd Raffaele Vitale, ma non sono bastati a sfiduciarlo. Ne sarebbero bastati altri quattro o cinque  in pratica, che però...